SABOTAGGIO – 10 modi per sabotare se stessi

06/07/2022

SABOTAGGIO – 10 modi per sabotare se stessi

Sabotare se stessi significa porsi ostacoli e difficoltà mentre si sta cercando di raggiungere un obiettivo desiderato e/o vantaggioso. Questo, di conseguenza, significa arrecare un danno a se stessi.

Aumentare la consapevolezza sulle forme di auto-sabotaggio è il primo passo per cambiare il proprio comportamento e smettere finalmente di essere vittima di se stessi.

Di seguito, alcuni comportamenti tipici di chi sabota se stesso:

  1. Procrastinare continuamente
  2. Ignorare la necessità di una pausa/riposo
  3. Imporsi regole che sono troppo dure da seguire
  4. Complicarsi la soluzione di piccoli problemi
  5. Iniziare troppi progetti che non si possono poi finire
  6. Concedersi qualcosa solo se meritato
  7. Demotivarsi prima di aver provato
  8. Posticipare le cose da fare fino all’ultimo secondo
  9. Interrompere qualcosa se nascono piccoli problemi

19/01/2018

PROCRASTINAZIONE – La procrastinazione: dieci cose da sapere

Il termine procrastinare deriva etimologicamente dal latino pro (avanti) e crastinus (domani), col significato di “rimandare al domani” allo scopo di temporeggiare o, addirittura, di non fare ciò che si dovrebbe.

Ci sono molti modi per complicarsi la vita e uno di questi è procrastinare. Le persone che procrastinano si danneggiano sabotandosi. Inconsciamente mettono ostacoli sul proprio cammino. Scelgono percorsi che danneggiano le loro prestazioni. Perché dovrebbero farlo?

Dieci cose da sapere:

1. Secondo le ricerche condotte alla DePaul University di Chicago e alla Carleton University di Ottawa, il 20% delle persone ammette di essere un procrastinatore cronico. Procrastinare, infatti, diventa uno stile di vita anche se disadattivo. Coinvolge tutti gli ambiti della vita. Ad esempio, non pagare le bollette in tempo, perdere opportunità favorevoli, non incassare buoni regalo o assegni, presentare la dichiarazione dei redditi in ritardo, etc.